Vi aspettiamo alla Festa della Mietitura d'Epoca dal 23 al 25 luglio
SCARICA IL PROGRAMMA DELLA FESTA
Guarda tutte le piú belle foto dell'oasi La Brussa

Oasi La Brussa - Prodotti

PASTA JOLLY SGAMBARO, LA PRIMA A KM ZERO



E' “Jolly Sgambaro” il pastificio dove si realizza esclusivamente pasta rintracciabile tutta italiana.

L’ azienda si trova in provincia di Treviso nel comune di Castello di Godego dove da oltre tre generazioni si lavora il grano duro.

Lo spirito imprenditoriale di Pierantonio Sgambaro e famiglia che già dal 2002 ha portato lo stabilimento ad un importante traguardo: quello di essere il primo e unico pastificio industriale della penisola il cui prodotto finale è certificato dal Csqa Certificazioni SRL come “grano duro italiano”.

“Non c’è trucco né inganno – spiega il presidente - perché è proprio la materia prima il fondamento della qualità. Per rispettare la tradizione pastaia italiana non è sufficiente ricorrere ai soliti canali d’acquisto, dobbiamo riscoprire il valore della terra e avere un rapporto diretto con chi la lavora.

L’alleanza pluriennale siglata dall’industriale con la gente dei campi ha dato i suoi frutti. Da un anno a questa parte, grazie all’accordo di filiera due terzi del grano duro utilizzato è a “chilometro zero” in quanto la provenienza non supera i confini del Veneto orientale e della vicina Emilia Romagna.

Delle 30mila tonnellate di grano macinato 10 mila sono frutto della consolidata collaborazione con gli agricoltori e cooperative della Puglia mentre le restanti 20mila provengono dai 5 mila ettari seminati nella pianura veneto-emiliana.

“Non è un’operazione di semplice facciata – insiste Pierantonio Sgambaro – anzi si tratta di un progetto concreto per il ritorno alle semine di grano duro al nord. Al principio dell’alta qualità, uniamo, oltre alla ricerca, quello delle produzioni di nicchia che danno valore aggiunto alle lavorazioni. E’ fondamentale assicurare margini per consentire remunerazione, ricerca e sviluppo.

La disponibilità di grano duro a “Km zero” crea un forte rapporto con il territorio, incide profondamente e in positivo sulle problematiche ambientali e sui costi di dei trasporti, visto che non c’è più necessità di grandi spostamenti di merci”.

Con un fatturato che spinge verso i 20 milioni il pastificio Jolly Sgambaro continua ad investire in tecnologia e innovazione. Obiettivo è la riconversione degli impianti con alimentazione ad energia verde: un progetto per il quale ha accantonato 3 milioni di euro.

Una scelta strategica per impostare la nuova generazione di pasta “solo veneta” che porta ovviamente la firma “Jolly Sgambaro” un nome e una garanzia sugli scaffali dei supermercati a disposizione di tutti i consumatori attenti.

VINI AZ. AGRICOLA PIAZZA

CABERNET FRANC 2008

Vino di spiccata personalità, caratteristico per il suo odore e sapore fortemente erbaceo, quasi aggressivo.

Con la maturazione si affina, diventa elegante, pieno ed armonico.

Ha colore rosso rubino intenso con riflessi violacei che invecchiando diventano granati.

Il Cabernet Franc si accosta agli arrosti di carni bianche e rosse, al pollame nobile, alla cacciagione e la selvaggina. Ottimo anche sui formaggi stagionati.

Va servito ad una temperatura di 18 gradi.

CHARDONNAY SPUMANTE

Dalla vinificazione di uve selezionate Chardonnay e dalla spumantizzazione col metodo Charmat otteniamo questo spumante Brut.

Di colore giallo paglierino con riflessi verdognoli, dal perlage fine e persistente. Il profumo è complesso di frutta e di sentori di lievito e di crosta di pane.

Il gusto è deciso, equilibrato e leggermente acidulo. Ottimo in ogni occasione dall’aperitivo, al pesce crudo, ai molluschi e dopo il pasto o fuori dal pasto quando, dopo un bel “botto” con il tappo, ci sia un’occasione per cui brindare.

Va servito molto fresco ad una temperatura di 4-6 gradi.


LISON CLASSICO 2008

Dalla vinificazione di uve selezionate Chardonnay e dalla spumantizzazione col metodo Charmat otteniamo questo spumante Brut.

Sicuramente il vino più tipico della nostra produzione, ha colore giallo paglierino con riflessi verdognoli. Il profumo è fine e delicato, moderatamente aromatico con sentore di mandorla amara che ritroviamo anche nel retrogusto.

Il sapore è piacevole, pieno e rotondo. E’ considerato ottimo come aperitivo e fuori pasto ma bene si abbina agli antipasti, le minestre, i frutti di mare e i formaggi teneri non fermentati

Va servito ad una temperatura di 10 gradi.


MERLOT 2008

E’ un grande vino, pieno, ricco di colore, caratterizzato da un intenso odore vinoso con sfumato sentore erbaceo. Il colore è rosso rubino intenso che con la maturazione tende al granato.

Invecchiando si affina notevolmente e acquista in qualità sviluppando un piacevole bouquet e assumendo un sapore asciutto, molto armonico ed equilibrato.

Per la sua armonica completezza spazia sulle tavole a tutto pasto trovando facili abbinamenti con i salumi, le carni in umido, gli arrosti e il pollame.

Va servito ad una temperatura di 18 gradi.


PINOT GRIGIO 2008

Vino di grande prestigio, vinificato a contatto con le bucce, assume la colorazione di tipo ramato caratteristica, di effetto e sicuramente originale.

Ha profumo piacevolmente fruttato, con sentori di noce, di miele e di fieno. Di sapore pieno, equilibrato ed intenso. Ottimo come aperitivo e fuori pasto ma meglio si adatta agli antipasti, alla cucina alle erbe, ai piatti a base di uova e soprattutto con molti piatti di pesce.

Va servito ad una temperatura di 10 gradi.

Gli insaccati



Il maiale, animale particolarmente significativo per la vita di tutte le genti venete, era la più importante riserva proteica dei contadini. Era allevato in tutte le aziende agricole della provincia, senza distinzione di zona.

Oggi allevamenti specializzati, sia tradizionali al chiuso in apposite stalle che allo stato semi brado, costituiscono l'inizio di una importante filiera produttiva: sopresse e salami con o senza aglio, cotechini e musetti, bondole e luganeghe, ossocolli, pancette con o senza filetto, vengono prodotti sia dalle aziende agricole per il consumo familiare, sia da aziende artigianali ed industriali, secondo tradizionali metodi consolidati nel corso dei secoli.

Cronologicamente, in campagna, si usano prima le luganeghe, poi i cotechini, i salami, le sopresse, gli ossocolli e le pancette; questi ultimi vengono confezionati tal quali, arrotolati con aggiunta di sale e spezie quali la cannella, i chiodi di garofano ed il pepe.

Il pescato



Al mercato ittico di Caorle arriva giornalmente una grande varietà di pescato come si può trovare in pochissimi altri mercati d’Italia.
Qui di seguito indico le varie specie ittiche che si possono pescare, durante l’arco dell’anno, nel tratto di mare Adriatico solcato dai pescherecci di Caorle (tra Punta Tagliamento e Chioggia), nelle acque lagunari ed in quelle dolci dei vari fiumi Nicesolo, Lemene e Livenza.

PESCI
alice (Engraulis encrasicolus) anguilla (Anguilla anguilla) bosega (Chelon labrosus) capone gallinella, luserna (Chelidonichthys lucernus) cefalo (Mugil cephalus) coda di rospo (Lophius piscatorius) latterino o acquadella (Atherinaboyeri) molo (Merlangius merlangius) mormora (Lithognathus mormirus) nasello o merluzzo (Merluccius merlucius) ombrina (Umbrina cirrosa) orata (Sparus auratas) palombo (Mustelus mustelus) passera pianuzza (Platychthys flesus italicus) razza stellata (Raya asterias) rombo chiodato (Psetta maxima) sampietro (Zeus faber) sarda (Sardina pilchardus) scorfano, scarpena (Helicolenus dactylopterus) sgombro (Scomber scombrus) sogliola (Solea solea-vulgaris) spigola, branzino (Dicentrarchus labrax) suro (Trachurus trachurus) triglia, barbon (Mullus barbatus) zanchetta (Arniglossus laterna)
MOLLUSCHI
canestrello (Chlamis valia) cannolicchi (Solen marginatus) cappasanta (Pecten jacobaeus) 1 fasolaro (Callista chione) mitilo o cozza (Mytilus galloprovincialis) murice o ragusa (Bolinus brandaris) tartufo di mare (Venus verucosa) vongola (Chamelea gallina) 2
CEFALOPODI
calamaro (Loligo vulgaris) moscardino (Eledone moscata) totano (Todarodes sagittatus) polpo (Octopus vulgaris) seppia (Sepia officinalis)
CROSTACEI
aragosta (Palinurus elephas), assai rara. astice (Homarus gammarus) gambero (Parapenaeus longirostris) grancevola (Maya squinando) granchio favollo poro (Eriphia verrucosa) granchio verde (Carcinus aestuarii) maseneta – femmina di granchio con uova- mazzancolla (Penaeus Kerathurus) moeca – granchio verde in fase di muta con perdita dell’esoscheletro. pannocchia (Squilla mantis) scampo (Nephrops norvegicus)